Francesca Leone

Francesca Leone

Francesca Leone 

 nasce a Roma in una famiglia di artisti, si laurea sotto la guida del professore Lino Tardia, alla Rome University of Fine Arts. Inizia la sua attività espositiva nel 2007, partecipando alla mostra, curata da Claudio Strinati per l’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite, ai Musei Capitolini di Roma. Segue la sua prima personale al Loggiato di San Bartolomeo di Palermo nell’aprile 2008. È con Bonalumi, Gallo, Guccione e Mitoraj una degli artisti invitati a realizzare un’opera per la mostra “Galilei Divin Uomo”, aperta nel dicembre 2008 nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri di Roma , su iniziativa della World Federation of Scientists, conclusasi dopo più di quattro anni nel 2013 dopo varie esposizioni in varie parti del mondo.. A fine 2008 Palazzo Venezia a Roma le dedica una mostra personale dal titolo “Primo Piano” curata ancora una volta da Strinati. Nel Novembre del 2008 partecipa alla mostra “Omaggio a De Chirico” alla Fondazione De Chirico di Roma, che proseguirà in America con esposizioni a New York, Miami e Los Angeles. Nel marzo del 2009 viene invitata dal Comune di Napoli ad esporre le sue opere a Castel dell’Ovo. A giugno realizza ed espone il ritratto del maestro Ennio Morricone, cui l’American Academy in Rome assegna il premio “Mc Kim 2009”. Nell’ottobre del 2009 partecipa con un ritratto dedicato al padre, alla mostra “Sergio Leone uno sguardo inedito” al Festival Internazionale del Cinema d’Italia con le scenografie del premio Oscar Dante Ferretti. . A fine giugno è invitata ad esporre una parte consistente della sua produzione pittorica nel Museo d’Arte Moderna e Contemporanea (MMOMA) di Mosca; durante questa esposizione, curata da Maurizio Calvesi, l’artista viene nominata Membro Onorario dell’Accademia Russa delle Belle Arti.

Nel marzo del 2010 la Galleria Valentina Moncada le dedica una personale a Roma dal titolo “Flussi Immobili”. Nello stesso periodo viene invitata a partecipare alla mostra “Arte Contemporanea per il Tempio di Zeus” nel Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento. Per i centocinquant’anni dell’Unità d’Italia le viene commissionata un’opera su Giuseppe Garibaldi: il ritratto viene esposto nel Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo a Roma, per la mostra dal titolo “Giuseppe Garibaldi… Tutt’altra Italia io sognavo” ed è scelto come quadro icona dell’esposizione.

Nel 2011 è invitata ad esporre  nella LIV Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia con il padiglione Italia.

Nel 2012 espone nella  galleria Opera Gallery di Londra che apre con una sua personale la nuova stagione espositiva dopo la conclusione delle Olimpiadi. A giugno 2012 è tra gli artisti scelti per il dialogo tra arte e sport agli Internazionali BNL di Tennis di Roma al Foro Italico. Sempre a giugno 2012 nei Musei di San Salvatore in Lauro a Roma, per la mostra dal titolo “Il Viaggio in Italia di Fëdor Dostoevskij”, l’artista realizza un ritratto del celebre romanziere russo.

Nel 2013 viene invitata a partecipare alla LV Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia con il Padiglione Cuba. La mostra, dal titolo “La Perversión de lo Clásico: anarquía de los relatos”, è un dialogo tra 7 artisti cubani e 7 artisti internazionali. Nel marzo del 2013 partecipa alla mostra “Omaggio a Giuseppe Verdi” all’Auditorium Conciliazione di Roma in occasione del bicentenario della nascita del compositore.

Chiude il 2013 con una  mostra personale  curata  da Marco Tonelli, al PAN I Palazzo delle Arti  di Napoli, dal titolo “CorpoTerra” in cui presenta 30 opere.

Nel 2014 Giacinto Di Pietrantonio cura un progetto espositivo di tre grandi mostre museali che la vedono protagonista al MAC – Museo di Arte Contemporanea di Santiago del Cile,  al MACBA – Museo di Arte Contemporanea di Buenos Aires con due mostre personali dal titolo “Metamorphosis”, e al Museo dell’Accademia di Belle Art di San Pietroburgo con la mostra dal titolo “Miti e Metamofosi”.

Nello stesso anno espone alla AMS Marlborough Gallery di Santiago del Cile con la personale “Cuerpo y Tierra”, al Palazzo Reale di Torino partecipa alla  mostra “Freedom Fighters” con un ritratto dedicato a Robert Fitzgerald Kennedy e al Museo del Cinema  di Torino nella mostra dedicata al 25° della scomparsa di Sergio Leone con due ritratti dedicati al padre.

 Il 2015 si apre in febbraio con la mostra personale nella Galleria Mucciaccia & Partners di Singapore. In ottobre La Triennale di Milano ospita una grande mostra installativa dal titolo “Our Trash”, un progetto composto da 18 grate di alluminio protette da una teca di perspex su cui lo spettatore può camminare, con cui propone una riflessione sul tema ambientale. Contemporaneamente presenta sempre a Milano, nella galleria ArcGallery, altre 15 opere della serie “Our Trash”.

Nel 2017 un’altra grande mostra istallativa la vede protagonista al Macro Museo di Arte Contemporanea di Roma, dove espone “Giardino”,una mostra complessa che unisce il lavoro di “Our Trash” a tre opere monumentali in cemento, frutto del continuo lavoro di ricerca dell’artista sempre sul tema dell’ambiente e la memoria. Accompagna la mostra un libro-opera edito in 150 copie firmate e numerate con il testo di Danilo Eccher.

Attualmente vive e lavora tra Roma e Miami.